Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2022

SEZIONE MERIDIANE E OROLOGI SOLARI - Il calendario

Bentornati lettori, eccoci di nuovo a parlare del tempo e dei modi che abbiamo noi oggi e che avevano i nostri antenati per misurarlo. Misurare il tempo è stato fin dall’inizio della civiltà umana fondamentale: capire quante ore di luce potevamo sfruttare, quando seminare o raccogliere le varie colture, moltissime questioni di primaria importanza erano legate al tempo e alla capacità di misurarlo. Per questo fin da subito le varie civiltà hanno cercato di dare un ordine agli eventi ciclici che segnavano le loro vite, ogni quanti giorni la Luna tornava ad essere piena? Ogni quanti giorni veniva il freddo gelido invernale? E invece la bella stagione e con essa il raccolto? L’uomo ha sempre cercato di dare un senso e una risposta a ciò che lo circondava. Dare un senso al tempo significava imbrigliarlo in un meccanismo misurabile dall’uomo stesso: il calendario. In questo articolo, Valerio ci parla di come le varie civiltà nel corso della storia abbiano trovato la loro soluzione per ad

SEZIONE MITOLOGIA - Leggende del cielo: la costellazione di Cassiopea

“Ogni sera, mentre il Sole discende         nel suo nascondiglio notturno, le stelle emergono come spiriti magici” Esse si accendevano nel cielo agli albori delle prime civiltà e si accendono oggi, purtroppo alcune non riusciamo più a vederle ad occhio nudo a causa dell’inquinamento luminoso, ma come gli astri sapevano accendere la fantasia dei primi ominidi, possono ancora aprire in noi, le porte a fantastiche visioni. Cari lettori bentornati a leggere le mie storie; dopo le scorpacciate di panettoni e quant’altro, con le feste che volgono al termine dopo un Natale che avrebbe dovuto favorire l’umiltà e la modestia, vi racconterò cosa succede a chi, invece, è un po’ troppo vanitoso!!! Protagonista questa volta la costellazione circumpolare di Cassiopea (in latino Cassiopeia), già presente nell’elenco Tolemaico delle 48 costellazioni e nel libro delle “Metamorfosi” di Ovidio. Essa viene rappresentata nel suo ruolo di regina altezzosa, seduta sul trono nell’atto di pettinarsi